Follelfo è silenzioso, ma laborioso

Posted on febbraio 3, 2010

0


Follelfo, con la proverbiale flemmatica cautela e atavica calma che lo contraddistingue, ha in serbo nuove strabilianti sorprese per gli affezionati lettori; è innanzitutto doveroso dire che la capillare e mirata distribuzione dell’ormai famoso #0 ha avuto inizio tra porti di mare, università, librerie e locali di Milano. Nella colonna di destra potete trovate i luoghi in cui le freschissime copie sono già disponibili, ma sappiate che nulla resterà escluso dalla nostra infallibile ragnatela distributiva.

Follefo, però, non vuole limitarsi ad una minuta distribuzione silenziosa. Tiene occhi e orecchie ben vigili per infiltrarsi in ogni spazio mosso da nobili ideali. Sarà infatti presente ed attivo sabato sei al MI AMI ANCORA, festival della musica bella e delle carezze mostruose, per presentare la rivista. E non sarà solo. Follelfo, Inutile, Eleanore Rigby, Colla e El Aleph avranno un piccolo banchetto in cui sarà possibile reperire scintillanti carte cartacce opuscoli e pamphlet, conoscere e parlare con alcune delle giovini menti che animano i progetti letterari più belli di sempre, comprare riviste, gadget, magliette e attendere insieme che vengano a portare le brioches. Sembra persino che qualcuno abbia in mente di rispolverare il glorioso nome del B.I.R.R.A. Tutto questo dalle cinque di pomeriggio alle nove del mattino dopo.

Follelfo, infine, per evitare che qualcuno di voi appassionati lettori, cada in preda alla disperazione o scompensi psicofisici di vario genere, sta già preparando il prossimo numero, che dovrebbe uscire verso la fine di questa era glaciale. A tal proposito ricerca giovani ardimentosi che vogliano inviarci materiale artistico di vario genere: disegni quadri foto sculture fumetti busti caricature schizzi abbozzi e, insomma, materiale iconografico di vario tipo, che andrà a decorare il prossimo numero del vostro progetto letterario preferito. La nostra mail è sempre la stessa. Questa.

rivistafollelfo@hotmail.it

Annunci
Messo il tag:
Posted in: racconti